magazine

tutti gli articoli

Quali lavori di giardinaggio fare in ogni stagione per un giardino al top

I lavori di giardinaggio possono essere svolti in qualsiasi stagione dell'anno, basta conoscere le piante e le tecniche da usare: ecco come avere un giardino impeccabile.

Chiedi un preventivo per GIARDINAGGIO
richiedi preventivo

Negli ultimi anni è aumentato in misura considerevole il numero di persone che ha deciso di dedicarsi al giardinaggio, cogliendo in questo hobby tantissime potenzialità benefiche. Prima di tutto infatti dedicarsi alle piante permette di rilassarsi, allontanando lo stress della vita quotidiana, e aiuta a liberare la creatività e la fantasia. Un errore che si tende a commettere alcune volte è quello di pensare che il proprio giardino possa vivere solo in primavera e in estate: in realtà ogni stagione dell’anno può regalare tantissime soddisfazioni, dimostrando che la natura è sempre una continua fonte di sorpresa e di ispirazione. Ecco un elenco dei  lavori di giardinaggio da fare nelle varie stagioni per un giardino sempre al top!


Giardinaggio in primavera e in estate: tutti i consigli



La primavera e l’estate sono le due stagioni più calde dell’anno e dedicarsi ai lavori di giardinaggio si trasforma in un autentico toccasana per la mente e per lo spirito. La prima cosa importante per chi decide di mettere alla prova il proprio pollice verde consiste nell’informarsi, cercando di imparare le tecniche che richiedono una applicazione quotidiana, quali sono le condizioni di vita ideali delle piante e dei fiori che si decide di coltivare e quali sono gli attrezzi utili per dedicarsi al giardinaggio in modo consapevole.


La primavera è senza dubbio la stagione che presenta condizioni favorevoli per alcune piantagioni: si può iniziare con la semina di determinati ortaggi, la potatura di alcune piante e alberi da frutto, necessaria a garantirne il corretto sviluppo; inoltre alcune vegetazioni protette in inverno, vanno svuotate da foglie secche e rimesse nella loro giusta posizione di luce e di temperatura. Un altro aspetto determinante riguarda le annaffiature, utili per preparare il terreno alla calura dell'estate che verrà.


La primavera è dunque la stagione perfetta non solo per agire direttamente con alcune tipologie di piantagioni, ma anche per pulire il terreno e prepararlo all’arrivo del caldo estivo. Chi decide di approfittare delle prime giornate di sole per conferire un tocco di colore nuovo al proprio giardino può scegliere tra numerosi fiori che possono essere piantati con successo in questo periodo dell’anno: dalle azalee alle begonie, senza dimenticare le gerbere e i nasturzi.


Al termine della primavera, bisogna essere pronti ad accogliere l’estate in grande stile: durante questa stagione, in cui molti ortaggi trovano crescita e vita, così come la frutta, per esempio fragole e lamponi e molti fiori, è fondamentale bagnare il terreno per non far soffrire l'eccessivo calore alle radici, concimare le piante che lo richiedono e verificare la presenza di eventuali parassiti che potrebbero influenzare negativamente la crescita.


Un altro aspetto a cui bisogna dedicare attenzione è la manutenzione dei giardini perché il prato deve essere trattato con grande cura: il terreno nel periodo estivo va nutrito, restituendo quegli elementi che il caldo e qualche acquazzone torrenziale portano via; il fertilizzante, possibilmente naturale, va somministrato periodicamente.


Tutte queste operazioni ti permetteranno di avere un giardino curato, dove passare le tue giornate di riposo estivo sarà un vero piacere.


Lavori di giardinaggio: cosa fare in autunno e in inverno


Per imparare a dedicarsi in modo corretto al proprio giardino durante le varie stagioni dell’anno è consigliabile farsi aiutare dal calendario biodinamico, che contiene le indicazioni che permettono di pianificare i lavori in modo che la crescita delle piante e la raccolta sia sostenuta dal potere della Luna. L'autunno è un mese molto importante perchè molte vegetazioni richiedono la potatura mentre altre richiedono la protezione, soprattutto nel periodo in cui iniziano i primi freddi, specialmente nel mese di novembre.


Però l'autunno beneficia anche dell'umidità del terreno giusta per i trapianti e quindi è anche bello considerare questo periodo dell'anno come idoneo alla piantagione di alcuni bulbi che potranno poi sbocciare in primavera: tra quelli più belli spiccano i bulbi dei tulipani e dei profumatissimi giacinti. Con l'avvicinarsi di dicembre e l’avvento dell’inverno si può iniziare a ritirare i vasi che ospitano piante che soffrono il freddo o proteggerle con appositi materiali se sono piantate nel terreno.


Un’altra operazione del periodo è la concimazione con un concime specifico, ad elevato contenuto di potassio per rafforzare la struttura dell'erba del prato e conferirle una maggiore resistenza contro gli agenti atmosferici.


Chi pensa che il giardinaggio non abbia nulla a che fare con le rigide temperature invernali si sbaglia di grosso: la protezione, iniziata nei mesi precedenti autunnali, deve essere portata avanti con particolare cura. Inoltre è utile sapere che ci sono piante e fiori che non sono particolarmente sensibili al gelo: è il caso dei sempreverdi, delle piante perenni, ma anche di fiori come il ciclamino, la calendula e le viole. Invece il prato deve essere toccato il meno possibile: l’unica azione da svolgere consiste nel ripulirlo dalle foglie autunnali depositate, per impedire che l’umidità e il freddo causino il proliferare di funghi o batteri, dannosi per il manto e per le radici delle piante.

Potrebbe interessarti anche