magazine

tutti gli articoli

Quale legno scegliere per le persiane

Scelta delle persiane in legno nuove oppure restauro infissi in legno. Quali sono i migliori tipi di essenze legnose da utilizzare.

Le persiane in legno contribuiscono a dare pregio agli interni sia che la vostra casa sia arredata secondo un gusto classico oppure con uno stile più moderno, . Anche quando i vecchi serramenti sono danneggiati, è sempre preferibile il restauro degli infissi in legno, qualora fosse possibile. Oltre alle indubbie e già citate qualità estetiche, il legno possiede anche delle proprietà fisiche perfette per essere sfruttate nell'edilizia e nell'architettura. Infatti il legno è un materiale naturale che in quanto tale consente agli infissi di respirare evitando la formazione di condense. Oltre ad essere igienico è anche isolante, permettendo quindi di risparmiare sulla bolletta del riscaldamento. Infine il legno è anche un materiale molto resistente e duraturo; basta seguire alcuni semplici interventi di manutenzione per garantire agli infissi in legno una durata di moltissimi anni. Le tantissime varietà di legname disponibili in natura, offrono poi caratteristiche sia tecniche che estetiche peculiari. Ogni interno può trovare il tipo di legno perfetto che completi l'ambiente diventando parte dell'arredamento della camera.
Esistono due modi principali per lavorare il legno che possono presentare diverse caratteristiche sia tecniche che estetiche, vale la pena quindi analizzarli. Una trave ricavata da un unico pezzo viene definita legno massello o massiccio. Per questo materiale viene utilizzata la parte interna del tronco chiamata durame che è anche la parte più compatta dell'albero. Il materiale, una volta messo in opera mantiene una trama omogenea che segue le venature del tronco il suo aspetto risulta quindi molto naturale. Da un punto di vista estetico la resa visiva è eccellente; si tratta di materiali particolarmente indicati per interni di gusto classico o rustico. La tipologia di legno lamellare, al contrario, viene ottenuta incollando fra di loro diverse piccole travi dette appunto lamelle. I vantaggi di questo genere di prodotti sono principalmente tecnici. L'essiccatura delle lamelle è più facile di quella delle travi di dimensioni maggiori, per questo motivo le lamelle subiscono meno deformazioni in seguito alla messa in opera. In questo modo si ottengono profili stabili con ottime proprietà meccaniche, adatte anche a sopportare sollecitazioni termiche ed atmosferiche estreme. Queste proprietà trovano largo utilizzo nella realizzazione di infissi in legno per esterni, in cui le esigenze tecniche e la resistenza prevalgono sulle scelte estetiche.

Un'altra grande classificazione dei materiali può essere fatta dividendo le essenze legnose in due famiglie: le conifere e le latifoglie. Le conifere sono generalmente alberi sempreverdi che presentano foglie a forma di aghi e chiome coniche sviluppatesi in risposta a climi temperati o anche freddi. A questo gruppo appartengono il Pino, l'Abete, la Sequoia ed il Larice. Essendosi adattate anche a climi montani con inverni molto rigidi, le conifere presentano un tronco ricco di resina. Il legname resinoso che se ne ricava risulta particolarmente resistente agli agenti atmosferici. Al contrario le latifoglie sono piante a foglia larga con chioma tondeggiante che preferiscono i climi caldi se non proprio tropicali e nei mesi freddi solitamente perdono il fogliame. A questo gruppo appartengono alberi come il Castagno, il Rovere, il Mogano, l'Okumè ed il Frassino. Queste varietà di legname presentano una trama più compatta e sono solitamente abbastanza duri.
Se si vogliono installare in casa le persiane in legno dunque è bene tenere a mente queste caratteristiche naturali del materiale. Per le parti esterne a contatto con le intemperie è bene utilizzare legni più resistenti e durevoli. I migliori a questo scopo sono l'Abete, il Rovere, il Mogano ed il Castagno. Solitamente, gli infissi esterni vengono realizzati il legno lamellare, certamente più solido e stabile nel tempo. Legnami come Pino ed il Frassino, generalmente sono impiegate negli interni. In particolare il Frassino ha un aspetto molto simile al Castagno che è più costoso, per questo motivo viene considerato un materiale bello da vedere ed anche economico. Un tipo particolare di ambiente come quello marino, caratterizzato dalla presenza di salsedine corrosiva, richiede una tipologia specifica di materiale. Il legno multistrato definito appunto marino, si ottiene dall'essenza di Okumè ed è sottoposto a particolari trattamenti che ne aumentano la resistenza. Infine va considerato anche il tipo di finitura che andrà ad influire sulla durata allontanando la necessità di restauro degli infissi in legno. Al giorno d'oggi prende sempre più piede la verniciatura ad acqua che presenta diversi vantaggi rispetto a quella con uso di solventi. Il beneficio principale è l'impiego di sostanze meno tossiche che non rilasciano quindi odori fastidiosi.


Potrebbe interessarti anche