MAGAZINE
Logo Magazine

Scaldabagno elettrico o a gas?

Conosci la differenza tra scaldabagno elettrico e a gas? Su PG Casa ti offriamo una breve guida per scegliere al meglio

Chiedi un preventivo per
IDRAULICA
richiedi un preventivo gratis

Comunemente chiamato scaldabagno o scalda acqua, questo elettrodomestico viene utilizzato per la produzione dell’acqua calda e può essere alimentato a gas, oppure tramite corrente elettrica. Sul mercato sono disponibili diversi modelli con prestazioni e consumi assai differenti. Se state progettando di acquistarne uno, questa è la guida che fa per voi.

Scaldabagno elettrico: cos’è e quanto consuma

Lo scaldabagno elettrico è probabilmente uno dei più diffusi e, al tempo stesso, una delle soluzioni meno economiche. La ragione è proprio il fatto che attinge dalla corrente elettrica e va ad incidere su una bolletta piuttosto onerosa. Lo scaldabagno riscalda l’acqua e la introduce in un serbatoio a una temperatura costante, di regola tra i 35 e i 65°C. Tutte le volte che l’acqua scende sotto le temperature pre-configurate, lo scaldabagno si accende e scalda di nuovo l’acqua.

Scaldabagno a gas: cos’è e quanto consuma

Il modello a gas si attiva solo nel momento in cui un rubinetto/miscelatore dell’acqua calda viene aperto, permettendo all’acqua di scorrere all’interno della serpentina in maniera istantanea. Gli scaldabagni a gas attingono energia da cisterne di metano o GPL, materiali decisamente meno costosi della comune energia elettrica.

Parlando di scalda acqua a gas, esistono poi diversi modelli in commercio che meglio possono adattarsi alle esigenze del consumatore. Per esempio, pensiamo allo scaldabagno a gas istantaneo: un dispositivo a basso consumo che si attiva all’apertura del rubinetto dell’acqua calda, quando viene prodotta una scintilla che innesca la combustione. Questo dispositivo può essere installato sia dentro che fuori casa, scegliendo un tipo di tiraggio differente sulla base dei vari modelli. Il vantaggio è che l’acqua viene scaldata sul momento e la disponibilità della stessa, alla temperatura richiesta, non è vincolata alla capienza di un serbatoio.

Gli scaldabagni a gas ad accumulo presentano invece un serbatoio dove l’acqua viene conservata a una temperatura costante grazie alla combustione dei gas. Le grandi dimensioni delle cisterne rendono appetibile questa soluzione alle grandi famiglie, vista anche la velocità con cui l’acqua viene distribuita e, soprattutto, la sua grande disponibilità.

Quale conviene: scaldabagno elettrico o a gas?

Entrambi i prodotti hanno i loro lati positivi e negativi. Per esempio, lo scaldabagno elettrico presenta i seguenti pro e contro:

  • PRO: costi di installazione contenuti;
  • PRO: costi di acquisto dell’impianto contenuti;
  • CONTRO: Disponibilità di acqua calda limitata alla portata del serbatoio;
  • CONTRO: Consumano energia elettrica, a volte troppo cara per essere davvero un’opzione viabile rispetto ai gas;

Invece, lo scaldabagno a gas presenta un altro quadro di informazioni che potrebbe tornarvi utile in fase di scelta:

  • PRO: Consumi ridotti, dovuti all’elevata convenienza di combustibili fossili quali GPL, metano e propano.
  • PRO: il dispositivo si attiva solo quando è necessario, scaldando l’acqua sul momento, e non deve mantenere l’acqua a una certa temperatura per periodi prolungati.
  • PRO: disponibilità costante d’acqua calda.
  • CONTRO: costi di installazione più elevati, il progetto richiede un serbatoio di gas dedicato che necessita una certa messa in sicurezza.

Per una consulenza esperta o se hai già scelto il modello che fa per te e lo desideri acquistare, richiedi oggi stesso un preventivo senza impegno!

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a IDRAULICA
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali